Orizzonte Università

  /  news   /  Ministra Messa: “accelerare i vaccini per riaprire le università”
Ministra Messa

Ministra Messa: “accelerare i vaccini per riaprire le università”

La Ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa ha affermato, sulle pagine de laStampa, che la campagna vaccinale andrebbe accelerata anche per i docenti. Questo per permettere quanto prima una ripresa delle attività in presenza, attesa fortemente dagli studenti.

Il futuro delle riaperture

Per le riaperture – dice la Ministra – seguiremo il principio di una giusta prudenza ma faremo di tutto per riaprire. Parliamo di ventenni che hanno delle esigenze di socialità e di matricole di questo e dello scorso anno che delle università conoscono poco. È una perdita enorme in termini di competenze e di vita accademica”.

Uno scenario, quello illustrato, che non ci stupisce. Tra gli studenti che si sono visti strappare queste possibilità dalla pandemia, ci sono anche quelli (matricole) che non hanno potuto provare questi aspetti della vita universitaria. In tal senso, la ministra conta di investire sul tutoraggio, oltre che attrezzarsi tramite la Crui (Conferenza dei Rettori) “Credo che il lavoro dei tutor vada rafforzato pensando non solo a un’attività per riportare gli studenti allo stesso livello di conoscenze ma anche per intervenire da un punto di vista psicologico e sociale”.

La riforma della ricerca

Non sono mancate parole per il campo della ricerca, anch’egli fortemente colpito dalla pandemia.

Nel Recovery plan c’è un capitolo sostanzioso dedicato a istruzione e ricerca con 14 miliardi di investimento. È l’occasione per migliorare la ricerca italiana e eliminare i gap che la affliggono mettendo in campo maggiori risorse e riforme in modo da portare un profondo cambiamento nel sistema”. La Ministra però precisa che i soldi, da soli, non bastano. Sarà infatti necessaria una riforma normativa, per permettere alle università di aprire corsi innovativi più facilmente rispetto ad oggi. Ma anche per renderli più flessibili, visto le sfide del mondo moderno. “All’estero non hanno le nostre rigidità nella creazione di nuovi corsi e non c’è il caos quindi la strada da seguire esiste

You don't have permission to register