Orizzonte Università

  /  news   /  UniBo: il 90% vuole tornare in presenza. Parla il rettore
UniBo

UniBo: il 90% vuole tornare in presenza. Parla il rettore

Secondo un articolo pubblicato da LaPresse, a cui il rettore di UniBo Francesco Umbertini ha rilasciato un’intervista, gli studenti della sua università vorrebbero il ritorno delle lezioni in presenza il prima possibile. Questo nonostante l’alto gradimento della gestione Dad dall’inizio della pandemia da parte dell’Università.

Le parole del rettore di Unibo

La percentuale non è stata calcolata a caso. Da quando UniBo ha implementato la Dad sono stati predisposti dei sistemi di monitoraggio per controllare l’andamento e l’impatto degli strumenti digitali, sia su studenti che sui docenti. Da questi si è potuto evincere l’alto tasso di soddisfazione complessiva che gli studenti hanno provato verso la Dad. A questo punto agli studenti è stata posta una domanda diretta: come immaginate il futuro e qual è il giusto equilibrio tra dad e presenza? È a questa domanda che il 90% degli studenti ha risposto di preferire la didattica in presenza, che non può essere in alcun modo sostituita.

«Poco meno del 10% ha chiesto di mantenere la Dad e ha chiesto che in futuro si possa seguire la didattica solo in modo digitale – spiega il rettore Umbertini – tra questi ci sono i lavoratori, i pendolari in un raggio superiore ai 100 chilometri. In ogni caso, anche chi ritiene la presenza irrinunciabile, sostiene che il digitale debba assolutamente essere mantenuto. Dà la possibilità di completare, arricchire e colmare momenti in quali non si può essere presenza. Io penso che presenza rimarrà fondamentale, ma rimarrà anche digitale come patrimonio. La domanda è: quale sarà il giusto equilibrio?».

«Gli studenti dicono che in assenza strumenti digitali poco meno del 47% di loro dichiarava di aver seguito tutte lezioni a fine semestre. Con l’estensione digitale il 65% di loro dice di aver seguito il 100% delle lezioni. Gran parte degli studenti vede la Dad come strumento arricchente in più che migliora il servizio, ma che deve essere fondato su una dimensione in presenza», conclude il rettore.

You don't have permission to register