Orizzonte Università

  /  news   /  La Giornata Internazionale dell’Ostetrica, dal 1991
Giornata Internazionale dell'Ostetrica

La Giornata Internazionale dell’Ostetrica, dal 1991

È dal 1991 che il 5 maggio cade la Giornata Internazionale dell’Ostetrica. Sono più di trent’anni che viene celebrato il lavoro delle ostetriche e dei reparti ospedalieri di Ostetricia. Inoltre, viene incoraggiata la ricerca nell’ambito dell’accompagnamento della gravidanza e del parto. 

Docenti e dottori di ricerca in Ostetricia hanno seguito gli eventi della Giornata Internazionale dell’Ostetrica, celebrata il 5 maggio in più di 50 Paesi del mondo. In Italia, in prima fila per le celebrazioni, c’è stata la Federazione nazionale degli Ordini della professione di ostetrica (Fnopo). Particolarmente sentita la riflessione sulla presa in carico della donna in un’epoca difficile, segnata dal fenomeno della pandemia. Il Covid-19, infatti, ha reso complicato ogni discorso relativo alla prossimità clinica.

Giornata Internazionale dell’Ostetrica: alcune dichiarazioni

La Fnopo è la voce del mondo dell’ostetricia italiana. In una nota della Federazione si legge che l’Italia vive «questa ricorrenza con molto orgoglio e con la consapevolezza di quanto sia importante, ancora oggi, ricordare quanto siano determinanti in tutto il mondo le cure ostetriche per raggiungere e garantire i migliori esiti di salute delle donne, dei nascituri e delle famiglie». 

Il “campo largo” della professione

La Presidente Fnopo, Silvia Vaccari, prosegue sottolineando quanto la “presa in carico” della donna e dei nascituri sia uno sforzo che comincia molto prima del momento apicale del parto. Ecco un passaggio della sua riflessione: «Le sfide che la professione deve affrontare sono tante: dalla denatalità sempre più inarrestabile, alla diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili. Dalla promozione di sani stili di vita alla sessualità e genitorialità responsabili, fino alle problematiche legate alla sempre più elevata longevità della popolazione femminile. Le ostetriche e gli ostetrici continuano a mettere in campo le loro competenze e la loro professionalità, ma chiedono anche il giusto riconoscimento, il rispetto e la valorizzazione che meritano».

You don't have permission to register