Orizzonte Università

  /  news   /  Firmata Partnership tra Pegaso, Mercatorum e Gruppo Bluvacanze
Partnership

Firmata Partnership tra Pegaso, Mercatorum e Gruppo Bluvacanze

E’ stata da poco presentata la nuova iniziativa del Gruppo Bluvacanze in partnership con le Università Telematiche Mercatorum e Pegaso. Oltre a poter offrire informazioni sull’intera proposta formativa delle due università telematiche, l’accordo con Bluvacanze prevede la predisposizione di contributi tecnico-professionali tali da arricchire l’offerta formativa di Pegaso e Mercatorum con corsi di eccellenza legati al mondo del turismo.

Partnership

Il progetto è partito nei primi mesi del 2021, ed ha visto gli agenti di viaggio Bluvacanze e Vivere&Viaggiare protagonisti di un programma di training dedicato, a cura dei formatori degli atenei.
Alla fine di questo percorso gli agenti hanno ottenuto l’attestato di “consulente didattico” e potranno così offrire ai neo diplomati o a chiunque sia interessato, tutta la consulenza necessaria su un’offerta didattica telematica in forte crescita sul mercato.


Siamo pionieri di questa nuova opportunità che ci permetterà di arricchire le nostre competenze, offrire servizi aggiuntivi e contribuire alla divulgazione dell’offerta formativa, soprattutto operando direttamente per realizzare contenuti professionali d’eccellenza per il settore turistico – afferma Domenico Pellegrino, Ceo del Gruppo Bluvacanze –. Non è un caso che questa partnership avvenga in un momento così particolare: la pandemia ha accelerato dei cambiamenti che erano già in atto e sia gli utenti che i professionisti del settore hanno bisogno di una consulenza di qualità, più ampia e più qualificata”.


Grazie all’accordo con il Gruppo Bluvacanze –aggiunge Danilo Iervolino, Presidente delle Università Pegaso e Mercatorum– intendiamo offrire ai nostri utenti un servizio sempre più personalizzato e a chilometro 0. La domanda di formazione e, segnatamente di quella delle università telematiche, è sensibilmente cresciuta durante il periodo di pandemia. Il settore ha registrato punte di incremento pari al 50% perché è stato in grado di dare risposte veloci ed efficaci a tutta la popolazione studentesca. Le nostre due università, ad esempio, sono state tra le prime a recepire questo bisogno e a consentire l’approccio in totale sicurezza agli esami online già all’inizio del lockdown. Lo stesso vale per tutti i lavoratori e i professionisti che sono riusciti ad affrontare gli effetti nefasti della pandemia, investendo nella formazione continua

You don't have permission to register