Orizzonte Università

  /  news   /  Università di Cagliari: apre il MUACC, museo di Arti e Culture Contemporanee
MUACC

Università di Cagliari: apre il MUACC, museo di Arti e Culture Contemporanee

Il MUACC, museo delle arti e culture contemporanee, rappresenterà un’immersione nell’innovazione e nella visione del mondo che caratterizza e “agita” i nostri giorni. Cagliari si conferma in prima fila nella promozione della conoscenza su quelle che sono le “vie” della cultura contemporanea.

Il MUACC apre stabilmente al pubblico. La prima fase della “vita” del museo sarà, ad ogni modo, sperimentale. La struttura sarà aperta dalle 16 alle 19 ogni martedi e giovedi, ma potranno essere concordate, su prenotazione, anche visite in giorni e orari differenti.

Gli spazi della realtà museale

Il Museo occupa il piano terra e il primo piano di un edificio in via Santa Croce, nel quartiere di Castello: è il Palazzo dei Marchesi di Quirra, conosciuto anche come Palazzo Nieddu o Palazzo Cugia. L’assessora comunale alla Cultura della città di Cagliari, Maria Dolores Picciau, spiega: «Il museo si apre in un contesto storico molto particolare; si inserisce in un calendario di eventi importante e in un quartiere che deve ritrovare la sua storia e la sua identità». E non c’è nulla di più propositivo dell’apertura di un museo, per innervare il tessuto sociale di una realtà cittadina. Museo è eventi, è incontro, è bellezza e conoscenza che divengono polo magnetico di vita comunitaria.

Le prime opere in mostra al MUACC

In questo momento sono allestite negli spazi museali le opere donate all’Università di Cagliari dall’artista Italo Antico. Antico è uno scultore protagonista, fin dagli anni Sessanta, del rinnovamento artistico cagliaritano. Imbarcatosi nel ’58 come allievo ufficiale su una nave petroliera, ha visitato Singapore, il Golfo Persico, il Giappone, assimilando le più diverse culture, che sono andate mescolandosi allo straordinario patrimonio storico sardo. Iniziato all’arte della lavorazione dei metalli dallo scultore Edilio Petrocelli, incontrato a Napoli, dove frequentava l’Istituto Universitario Navale, Antico si è specializzato nelle tecniche dello sbalzo e del cesello.

You don't have permission to register